SPEDIZIONE
K2
GALLERY
PROTAGONISTI
NEWS-DIARIO
SPONSORS
SCOIATTOLI CORTINA
Spedizione 2004
Alpinisti 1954
Alpinisti 2004
Materiali 1954
Solidarietà
Programma 2004
Timeline 1954
Telecardiologia
Adattamento in quota
PORTFOLIO
NOVEMBRE
L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30
Timeline 1954
Tratto da “K2 La montagna delle montagne. Cinquant’anni di salite, tre secoli di storie” a cura di Leonardo Bizzarro e Roberto Mantovani. Per gentile concessione di Montagna Mostre – 52° FilmFestival Città di Trento
9 Gennaio 1953: il professor Ardito Desio inoltra al Governo pakistano la domanda per un viaggio preliminare, da effettuarsi nello stesso anno, «in una zona attigua al Baltoro», e per una spedizione alpinistico-scientifica nel 1954 al K2. La richiesta fa seguito ad una precedente domanda allo stesso governo, depositata nel 1952 presso gli uffici governativi di Karachi (a quel tempo capitale del Pakistan).

24 Aprile 1953: a Parma, in occasione dell’Assemblea generale del Cai, Carlo Chersi, presidente del Club Alpino Accademico e responsabile della Commissione per lo studio e la realizzazione delle imprese extraeuropee, chiede a Desio la sua eventuale disponibilità a dirigere una spedizione al K2. Il professore, in linea di massima, accetta.

18 Agosto 1953: Ardito Desio parte insieme a Riccardo Cassin alla volta del Karakorum per una spedizione ricognitiva. Il permesso è stato accordato un mese prima, e il viaggio viene finanziato dal Cnr. A Rawalpindi, i due “esploratori” incontrano Charles Houston e i suoi compagni, reduci dal tentativo di scalata al K2.

25 settembre 1953: Desio e Cassin raggiungono il circo Concordia e scorgono finalmente il K2. Nei giorni seguenti, a causa del maltempo, devono limitare il loro programma ricognitivo a una puntata al primo campo della spedizione americana. Rientrano in Italia il 18 ottobre, e Desio viene informato dell’arrivo del permesso di scalata per il 1954.

7 novembre 1953: il Consiglio Centrale del Cai nomina una Commissione esecutiva per il K2. Si stabilisce che la spedizione è organizzata dal Club Alpino e dal Consiglio nazionale delle ricerche e che il capo della vicenda pakistana sarà Ardito Desio, con la collaborazione di Riccardo Cassin «quale capo del gruppo alpinistico».

12 novembre 1953: Desio fa presenta la necessità che, da parte del Consiglio Centrale del Cai, non vi siano altre designazioni oltre al capo della spedizione. Cassin rinuncia alla nomina.

15 dicembre 1953: Desio fa il punto sui finanziamenti. Il preventivo totale delle spese, parte scientifica inclusa, si aggira sui 100 milioni. Convocazione degli alpinisti candidati alla spedizione per la prima visita medica. Desio informa la Commissione dei primi risultati delle visite il 29 dicembre. Il primo escluso, a sorpresa, risulta Cassin.

9 gennaio 1954: Cassin rassegna le dimissioni dalla Commisione.

18-27 gennaio e 16-26 febbraio 1954: campi di allenamento e selezione al Plateau Rosa e al Monte Rosa.
Al termine delle selezioni, la squadra alpinistica risulta composta da: Erich Abram, classe 1922; Ugo Angelino, classe 1923; Walter Bonatti, classe 1930; Achille Compagnoni, 1914; Cirillo Floreanini, 1924; Pino Gallotti, 1918; Lino Lacedelli, 1925; Guido Pagani, medico-alpinista, 1917; Mario Pùchoz, 1918; Gino Soldà, 1907; Ubaldo Rey, 1923, Sergio Viotto, 1928. Capospedizione: Ardito Desio, nato a Palmanova del Friuli nel 1897.
Del gruppo degli scienziati fanno parte: il capitano Francesco Lombardi, topografo dell’Igm; Antonio Marussi, direttore dell’Istituto di Geofisica dell’Università di Trieste; Paolo Graziosi, docente di Paleontologia all’Università di Trieste; Bruno Zanettin, petrografo, docente all’Istituto di Geologia all’Università di Padova; Mario Fantin, cineasta.

Marzo 1954: il contributo governativo, che deve arrivare attraverso il Cnr, sembra destinato a slittare di parecchi mesi. Il Consiglio Centrale del Cai, assumendo la piena responsabilità morale e finanziaria della spedizione, si impegna a intervenire «nelle operazioni finanziarie transitorie». Il Club Alpino accenderà un mutuo di 25 milioni con la fidejussione di 23 consiglieri o soci. Tale finanziamento verrà estinto con l’arrivo del contributo statale.

30 marzo 1954: a Genova vengono imbarcate le casse dei materiali (13 tonnellate in tutto) sulla motonave “Asia”. Alpinisti e scienziati partono in date diverse; si ricongiungeranno tra Rawalpindi e Skardu a fine aprile.

30 aprile: viene effettuato un volo di ricognizione intorno al K2. A salire sul DC3 sono Ardito Desio, Erich Abram, e i cineoperatori Mario Fantin e Tom Hormann.
Da Skardu si mette imn marcia il primo scaglione di portatori. Tra il 30 aprile e il 2 maggio partiranno ben 602 portatori.

30 aprile-29 maggio: marcia di avvicinamento al campo base.

25 maggio: Bonatti, Gallotti, Lacedelli e Puchoz partono in ricognizione verso i primi due campi alti degli americani. Quattro giorni dopo, Compagnoni e Rey piazzano il campo III, a 6200 metri-

30 maggio: 63 portatori partono per rifornire il campo I, a 5400 metri. Il giorno dopo l’intera squadra alpinistica è riunita al campo base; tutto il bagaglio è finalmente arrivato a destinazione.

14 giugno: Compagnoni e Rey raggiungono il sito del campo IV, a 6450 m, sotto il Camino Bill. Il campo viene installato e rifornito due giorni più tardi.

21 giugno: all’1 del mattino, al campo II (5600 m), nell’infuriare della bufera, Mario Puchoz muore per edema polmonare. Solo il giorno 26, migliorato il tempo, i compagni riusciranno a trasportarlo a valle e a tumularlo nel luogo in oggi sorge il “Memorial Gilkey”.

30 giugno: Rey e Compagnoni salgono il Camino Bill e raggiungono il sito del campo V, a 6650 m; il 14 luglio, Compagnoni, Abram e Gallotti salgono a installarvi una tenda.

16 luglio: Abram e Gallotti attrezzano la via fino al luogo in cui, nei giorni seguenti, verrà installato il campo VI, a 7300. Nei giorni successivi le cordate Compagnoni-Rey e Lacedelli-Bonatti attrezzano la via fino alla Spalla del K2; giungono nel luogo in cui sorgerà il campo VII, a 7500 m. Nei giorni successivi, il campo VI viene spostato 100 m più a monte per motivi di sicurezza.

25 Luglio: Gallotti, Bonatti e Abram piazzano il campo VII.

28 luglio: Lacedelli, Compagnoni, Abram, Gallotti e Rey partono per fissare il campo VIII, a 7700 m.

29 luglio: Bonatti e Gallotti salgono al campo VIII con due respiratori, una tenda e una scorta di viveri. Abram e Rey, che trasportano i trespoli con le bombole dell’ossigeno, non sono riusciti a tenere il loro passo; il primo è tornato al campo VII; Rey ha preso la strada del campo base. Lacedelli e Compagnoni tentano di raggiungere al sito del campo IX, ma rientrano esausti al campo VIII, dopo aver lasciato i materiali nel punto più alto raggiunto. La sera si decide che il giorno dopo Bonatti e Gallotti scenderanno al campo VII, a recuperare le bombole, mentre Compagnoni e Lacedelli piazzeranno il campo IX 100 metri più in basso del previsto, per favorire il rifornimento.

30 luglio: Lacedelli e Compagnoni salgono a recuperare i sacchi sacchi e superano il muro di ghiaccio sopra campo VIII. Dopo una traversata a sinistra, fissano il campo IX oltre gli ottomila metri, in posizione defilata rispetto alla linea di salita. Gallotti e Bonatti scendono fin nei pressi del campo VII; di qui risalgono poi insieme ad Abram e agli hunza Mahdi e Isakhan. Isakhan si ferma al campo VIII, Bonatti, Abram e Mahdi continuano la salita trasportando le bombole per la cordata di vetta. Nel tardo pomeriggio Abram cede e rientra al campo VIII. In serata Bonatti e Mahdi non riescono a individuare la tenda di Lacedelli e Compagnoni, che non si trova nel luogo preventivato la sera precedente, e si vedono costretti a un penoso bivacco in pieno pendio, senza alcun riparo, a 8100 metri.

31 luglio: dopo il terribile bivacco, Bonatti e Mahdi riescono a rientrare al campo VIII; l’hunza mostra gravi congelamenti ai piedi e alle mani. Lacedelli e Compagnoni scendono a recuperare le bombole dell’ossigeno e salgono verso la cima. Giungono sulla vetta del K2, a 8611 m, alle 18. Rientreranno al campo VIII alle 23.

1-3 agosto: tutti gli alpinisti rientrano al campo base

11-23 agosto: marcia di rientro fino a Skardu. Ardito Desio resta in Pakistan per completare il programma scientifico della spedizione.

3 settembre: Compagnoni, Rey, Pagani e Fantin rientrano in aereo a Roma.

10 settembre: gli altri alpinisti si imbarcano per l’Italia.
NEWS
30-03-2005
Gli Scoiattoli di Cortina e la solidarietà alle popolazioni del Baltoro
05-01-2005
Lino Lacedelli nominato Cavaliere di Gran Croce
29-11-2004
Cortina e il K2: una Mostra per rivivere le emozioni del 1954 e del 2004
22-11-2004
26 novembre. Gli Scoiattoli del K2 a Cormòns
02-11-2004
Scoiattoli dal Santo Padre e dal Presidente della Repubblica: un ricordo indelebile
METEO
28-07-2004
Una bassa pressione minore tra il Kashmir e il Tibet influenzerà la zona del K2 con precipitazioni presenti quasi tutti i giorni. Durante il fine settimana condizioni forse un pò più asciutte con, a volte, sporadici rovesci.

powered by Mountain Network