SPEDIZIONE
K2
GALLERY
PROTAGONISTI
NEWS-DIARIO
SPONSORS
SCOIATTOLI CORTINA
News dalla spedizione
Timeline 1954
Previsioni Meteo
Radio Cortina
PORTFOLIO
APRILE
L M M G V S D
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30
14-07-2004
A cena con Lino Lacedelli, verso il K2
Lino Lacedelli in queste ore sta per raggiungere il Campo base del K2... Davide Arrigo ci racconta il suo incontro con il grande cortinese.

Sulla via del ritorno da Concordia, dopo aver preceduto ed organizzato i vari campi per il gruppo di trekkers che, insieme a Lino Lacedelli, è diretto al CB del K2, mi fermo a Bardumal, in attesa di incontrarli. Conosco bene il percorso e so di sicuro che si fermeranno qui per la notte: Paolo Tassi, la loro guida, mi ha chiamato sul satellitare dicendo che sono in arrivo.

E' presto, sono in anticipo, ne approfitto per riposarmi un po', anche perché in due giorni ho fatto il cammino che normalmente si farebbe in quattro. Aprofitto per parlare con i portatori che di continuo arrivano precedendo i trekker o gli alpinisti, sono tutti d'accordo su una cosa: quest'anno il Baltoro è veramente affollato; e certo, con l'anniversario del cinquantesimo della salita al K2, non poteva essere altrimenti... Questo mi fa pensare al momento particolare che sto vivendo, tra poco incontrerò Lino Lacedelli, uno dei due uomini che per primi hanno posato il piede sulla vetta più alta del Pakistan, la seconda del mondo.

Eccoli! Li vedo arrivare in lontananza, decido di andargli in contro per salutarli ma soprattutto per dare loro un caloroso benvenuto. So che hanno già festeggiato abbondantemente ad Islamabad, Skardu, Askole, insomma ovunque Lino Lacedelli è stato accolto molto calorosamente: lo stavamo aspettando tutti.

Camminiamo insieme fino al Campo. Lino, accompagnato dalla figlia Alberta, si ferma sovente... Non è stanco, ma non mette piede in Baltoro da cinquant'anni e osserva attentamente ogni cosa. Mi accorgo che Lino si ricorda ogni passo di questo percorso; mi con fida che è molto emozionante per lui ritornare in questi luoghi, e vuole godersi queste sensazioni il più a lungo possibile.

A cena, nella tenda mensa, quasi per caso ci sediamo vicini, e mi racconta molti aneddoti del passato. E' un piacere stare ad ascoltarlo: i suoi occhi si illuminano di gioia, la sua voce è ferma e decisa. Si ricorda tutto, nei minimi particolari: quanto pagavano i portatori, dove hanno piazzato i campi, il percorso sulla morena, quanto materiale avevano e tanto altro.

Non vuole sapere niente riguardo alle prossime tappe, è al secondo giorno di cammino ma non si interessa minimamente al percorso, non chiede nulla. Lino vuole rivivere tutto con lo spirito esplorativo che lo ha sempre accompagnato, anche se prima di salutarci mi confida: "Sai è come se dalla vetta fossi sceso ieri".

di Davide Arrigo

Foto su questa pagina: Lino Lacedelli al 2° giorno di trekking (ph Davide Arrigo). Foto portfolio trekking (un click sulla foto di questa pagina).


K2 il prezzo della conquista il libro di Lino Lacedelli e Giovanni Cenacchi



NEWS
30-03-2005
Gli Scoiattoli di Cortina e la solidarietà alle popolazioni del Baltoro
05-01-2005
Lino Lacedelli nominato Cavaliere di Gran Croce
29-11-2004
Cortina e il K2: una Mostra per rivivere le emozioni del 1954 e del 2004
22-11-2004
26 novembre. Gli Scoiattoli del K2 a Cormòns
02-11-2004
Scoiattoli dal Santo Padre e dal Presidente della Repubblica: un ricordo indelebile
METEO
28-07-2004
Una bassa pressione minore tra il Kashmir e il Tibet influenzerà la zona del K2 con precipitazioni presenti quasi tutti i giorni. Durante il fine settimana condizioni forse un pò più asciutte con, a volte, sporadici rovesci.

powered by Mountain Network